Loading...
Servizi 2017-09-19T10:26:50+00:00

…e tu sai valutare i pregi e difetti di una ristrutturazione?

Contattaci

Perchè affidarsi alla FEFAMsrl

Iniziare interventi di ristrutturazione, può presentarsi come una faccenda un po’ complicata da districare: occorre pensare alla tipologia di lavori da eseguire, a quale categoria appartengono, ai vantaggi ed eventuali contro derivanti ma al tipo di  documentazione utile per procedere.

Se a queste problematiche si sommano anche l’esecuzione vera e propria dei lavori, ristrutturare un immobile alcune volte sembra un compito arduo.

La FEFAMsrl prende in carico tutta tutti gli aspetti burocratici che riguardano le ristrutturazioni, e soprattutto segue passo passo i lavori affinché siano realizzati con alta professionalità. Inoltre, grazie alla sua esperienza, conosce gli interrogativi e, soprattutto, le esigenze di coloro che si trovano ad affrontare la questione ristrutturazione, anche per la prima volta.

Dopo  un sopralluogo e un preventivo completamente gratuiti e senza impegno,  i lavori di FEFAMsrl per la ristrutturazione completa del tuo appartamento comprenderanno:

Preparazione degli ambienti dell’immobile da ristrutturare

Carico e scarico di materiali e forniture per tutta la durata del cantiere

Demolizioni, rimozioni e ricostruzioni di pareti, controsoffitti, intonaci, massetti, pavimenti, battiscopa e rivestimenti

Realizzazione di nuovi impianti tecnologici (idraulico, elettrico, gas, termoidraulico, climatizzazione, domotico, pavimenti radianti)

Rasatura, carteggiatura e pittura di pareti e soffitti

Montaggio di porte, apparecchi sanitari, corpi illuminanti, caldaie e condizionatori.

FEFAMsrl è in grado di realizzare ogni tipo di opera edile con la massima professionalità, con materiali di qualità, con prezzi competitivi e con personale specializzato. Garantiamo al 100% i lavori eseguiti, accompagnandoli da regolare fattura che costituisce la garanzia per la durata prevista come da termini di legge. Inoltre ti rilasciamo la Dichiarazione di Conformità delle nostre opere, come prescritto dalla vigente normativa.

La FEFAMsrl osserva infine il Testo Unico sulla Sicurezza (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)  in particolare le disposizioni si riferiscono alle misure elaborate dal legislatore per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, ovvero quei luoghi in cui vengono svolti dei lavori edili che riguardano la costruzione, la ristrutturazione e il rinnovamento di immobili.

services-tabs-139154408

Per ristrutturare occorre professionalità

FEFAMsrl è un impresa di ristrutturazioni . La nostra missione è aiutare le persone a realizzare la casa dei propri sogni, e cerchiamo di creare una progettazione precisa e dettagliata. Utilizziamo a questo scopo le migliori professionalità che si occupano della parte burocratica, della parte di progettazione e dell’esecuzione di una ristrutturazione,  di appartamenti, locali commerciali, uffici o altro.

Ogni lavoro è eseguito con attenzione ai dettagli, con l’obiettivo di realizzare un lavoro ad opera d’arte nel rispetto dei tempi prestabiliti in fase negoziale.

E’ facile trovare localmente una aggregazione di persone, spesso migranti senza occupazione ufficiale, che si predispongono per fare tutto anche con prezzi ridotti all’osso. Sovente accade che saper fare tutto con improvvisazione genera problemi e talvolta anche guai, e il prezzo e il tempo impiegato in questo caso aumenta considerevolmente con il risultato qualitivo mediocre. Affidarsi ad un impresa seria, che osservi le norme della sicurezza, che abbia i propri collaboratori tutti in regola e dia la garanzia di un lavoro ben eseguito e senza sorprese non è la stessa cosa.

services-tabs-139154408

Il chiavi in mano

La nostra modalità di lavoro Ristrutturazioni Chiavi in mano ti permette dormire sonni tranquilli, pensiamo a tutto noi. Ogni ristrutturazione è diversa da tutte le altre, nascono ovviamente le esigenze specifiche e gusti personali, FEFAMsrl deve soddisfare questi requisiti. Partiamo dall’analisi della richiesta, studiamo e valutiamo i pro e i contro e ti proponiamo una soluzione su misura. 

Gestiamo e controlliamo ogni aspetto del lavoro:

  • lo sviluppo della soluzione e del progetto;
  • la presentazione delle pratiche burocratiche amministrative e tecniche;
  • Consigli per la scelta di tutti i materiali;
  • Organizziamo completamente il cantiere attraverso maestranze accuratamente selezionate e certificate.

 Progettazione:
  • Progettazioni, rilievi e computi metrici;
  • Direzione lavori, perizie tecniche e di stima;
  • Tabelle mellisimali, calcoli strutturali;
  • D.I.A. dichiarazione inizio attività;
Pratiche amministrative:
  • Pratiche comunali per richieste di ristrutturazioni, frazionamenti;
  • Attestati di certificazione energetica
  • Pratiche per la detrazione del 36% e/o 55%

 Lavori di ristrutturazione:

  • Innovazioni di interni e opere murarie
  • Impianti termici radianti e tecnologie innovative
  • Impianti idrici e scarichi
  • Impianti climatici e canalizzati
  • Impianti elettrici e di allarme
  • Domotica e sensoristica
  • Tinteggiature, pittura e stucchi antichi
  • Manutenzione generale
  • Falegnameria su misura
  • Infissi in PVC, porte, finestre, verande
  • Opere di fabbro, cancelli, ringhiere etc…

Da un rapporto  “Scenari Immobiliari” della società Symbola, in Italia l’intervento medio di una ristrutturazione ha un valore pari a 14.500 euro, mentre il valore di un’abitazione ristrutturata si attesta intorno ai 65.750 euro.

Su un totale di 510mila abitazioni in vendita in Italia, il 18,6% richiede un intervento di ristrutturazione, mentre per quanto riguarda l’intervento di ristrutturazione, il 74,3% è rappresentato dalla manutenzione straordinaria e il 36,2 dalla manutenzione ordinaria.

Se a Roma una casa da ristrutturare viene messa in vendita a un prezzo pari a 306mila euro, il costo per la ristrutturazione media sarà pari a 38mila euro, con un plus valore del +20,6%. A Venezia, invece, per una casa da 220mila euro, la ristrutturazione media avrà un costo pari a 34mila con un plus valore del +19,7%. A Napoli, infine, per una casa da 144mila euro, la ristrutturazione media avrà un costo pari a 30mila euro, per un plus valore di +17,8%.

Domotica

Sempre più spesso, sia nelle nuove costruzioni che nelle ristrutturazioni, entra in gioco il concetto di domotica: termine composto da `domus` (casa in latino) e dall`aggettivo “automatica”  con il quale si intendono tutte quelle tecnologie che controllano la gestione dell’abitazione al fine di migliorarne la qualità. Comunemente, quando si parla di domotica, si pensa a sistemi sofisticati dai costi elevatissimi: un lusso a cui si può rinunciare. In realtà usare un impianto domotico significa prima di tutto soddisfare i bisogni fondamentali legati all’abitazione quali comfort, benessere e sicurezza, fino ad arrivare a benefici legati al  risparmio energetico, alla riduzione dei costi di ristrutturazione e all’aumento delvalore dell’abitazione.
Il comfort e il benessere abitativo si raggiungono attraverso quelle tecnologie che permettono di creare l’ambiente ideale in cui sentirsi fisicamente e psicologicamente a proprio agio: importanti sono la corretta impostazione dell’umidità e della temperatura invernale ed estiva, il controllo dell’illuminazione e della eventuale diffusione della musica,  la gestione dell’automazione di tapparelle, lucernari, tende ecc., l’irrigazione delle aree verdi esterne e la gestione degli elettrodomestici.
Avere un’abitazione sicura attraverso l’uso della domotica non significa solo usufruire dei classici sistemi di videosorveglianza o antintrusione, che comunque sono importanti, ma anche tenere sotto controllo gli impianti di casa attraverso allarmi tecnici che possano avvertire in caso di fughe di gas, perdite d’acqua, ecc., non solo rilevando il guasto, ma anche intervenendo sull’impianto e inviando segnali d’allarme via sms.
Elemento importante nell’uso della domotica e che lo rende molto più interessante dell’installazione di un impianto tradizionale è legato al risparmio energetico: l’utilizzo intelligente dell’insieme di dispositivi tecnici all’interno di un edificio può portare a risparmi notevoli. L’installazione dell’impianto domotico ottimizza le condizioni di comfort minimizzando lo sfruttamento delle fonti non rinnovabili: si stima che i consumi energetici possano essere inferiori anche del 40/50% rispetto ad un impianto tradizionale.
Infatti i sistemi consentono la “gestione dei consumi”: impostando quanto la propria casa debba consumare nei vari periodi della giornata e dell’anno attraverso la scelta  delle “fasce orarie”, a seconda delle tariffe energetiche, si eliminano sprechi inutili e si mantiene il comfort.
Non solo per la nuova edificazione ma anche per gli interventi di ristrutturazione l’uso della domotica è particolarmente adatto: i vecchi impianti, che sono da mettere a norma, si presentano come l’insieme di una serie di cavi ammassati, molto spesso in tubazioni con sezioni ridotte (12 mmq). Per rimettere a norma gli impianti con sistemi tradizionali, le tubazioni esistenti dovrebbero essere sostituite, mentre nel caso della domotica, grazie  all’impiego di un solo cavo a sezione ridotta (cavo BUS), che va a sostituire gran parte dei cavi elettrici,  si possono sfruttare le tubazioni esistenti  evitando tutta una serie di opere murarie e i costi che ne conseguono. Questo si può fare rispettando la normativa perché il cavo BUS è alimentato da una tensione di 12V (molto bassa),  rispetto ai 220V dell’impianto elettrico tradizionale,  che riduce di quasi venti volte il rischio di incendio e di emissioni elettromagnetiche.
I costi da sostenere per la realizzazione di un impianto domotico di base, grazie alla sempre maggiore diffusione, si è notevolmente ridotto e la sua adozione incide del 20% in più rispetto ad un impianto elettrico tradizionale. A fronte di questo minimo incremento, il valore percepito dell’immobile cresce in maniera decisamente superiore: la dotazione domotica diviene un elemento di qualificazione dell’investimento immobiliare determinando un conseguente incremento del valore commerciale dell’abitazione e un importante argomento di vendita.

Pratiche e norme

Permessi

I titoli abilitativi previsti dalla normativa nazionale sono: C.I.L., C.I.L.A., S.C.I.A., D.I.A. e Permesso di Costruire. Il titolo abilitativo da presentare al Comune (o Municipio) dipende dall’intervento edilizio da realizzare. La normativa nazionale inoltre divide gli interventi edilizi in varie categorie: opere di manutenzione ordinaria, opere di manutenzione straordinaria che non riguardano parti strutturali dell’edificio ma che determinano solo una diversa distribuzione degli spazi interni, opere di ristrutturazione edilizia, opere di restauro e risanamento conservativo, interventi di nuova costruzione.

Le opere di manutenzione ordinaria sono ad esempio: tinteggiature interne ed esterne, rifacimento degli intonaci, rifacimento degli impianti idrico sanitari, sostituzione della caldaia, rifacimento dei pavimenti, sostituzione delle piastrelle. Questo tipo di interventi ricadono nell’attività edilizia libera, ma è sempre possibile procedere ad una comunicazione al Comune o Municipio di appartenenza tramite una C.I.L., che è invece necessaria per opere quali rifacimento di pavimentazioni esterne, installazione di arredi da giardino temporanei ed installazione di pannelli fotovoltaici.

Le opere di manutenzione straordinaria sono quelle che portano l’immobile ad una diversa configurazione interna come ad esempio la modifica del numero delle stanze, l’aggiunta o rimozione di bagni, lo spostamento della cucina. In questi casi bisogna consegnare al Comune o Municipio di appartenenza una C.I.L.A. firmata da un tecnico abilitato, alla quale far seguire la Comunicazione di Fine Lavori e la variazione catastale. I lavori possono cominciare il giorno stesso del protocollo.

Nei casi in cui le modifiche che si intendono apportare riguardano i prospetti dell’edificio o parti strutturali, il titolo abilitativo varia tra la S.C.I.A. e la D.I.A.. Nei casi in cui ad esempio, si intende aprire una porta in un muro portante, aprire un vano nel solaio per il passaggio di una scala, ricostruire un solaio danneggiato, si ricade nell’ambito di applicazione della S.C.I.A. I lavori possono cominciare il giorno stesso del protocollo. Oltre alla relazione tecnica asseverata dal tecnico bisogna consegnare una opportuna relazione al Genio Civile.

Se si vuole aprire una finestra, modificare una finestra in porta-finestra o viceversa, ampliare la superficie dell’appartamento (Piano Casa), il titolo abilitativo idoneo è la D.I.A.

Per realizzare nuove costruzioni bisogna richiedere il Permesso di Costruire.

Smaltimento

Le opere edili interne sono caratterizzate da una prima fase di demolizione (parziale o totale) di tramezzi, pavimenti e massetti, rivestimenti, sanitari e rubinetterie, e vecchi impianti (elettrici, idrici, termoidraulici, del gas) e conseguentemente da una seconda fase in cui le macerie devono essere smaltite.

Il prodotto delle demolizioni è considerato un rifiuto speciale dunque deve essere smaltito in discariche autorizzate oppure conferito in impianti di trasformazione dove i prodotti di scarto vengono selezionati per poi essere riutilizzati.

Il corretto smaltimento delle macerie è a carico del proprietario, se si tratta di lavori svolti in economia, oppure della ditta se ci affida ad una squadra di professionisti. E’ necessario compilare un formulario dei rifiuti se si smaltiscono più di 30 kg o 30 litri al giorno di macerie. In caso contrario non è necessario alcun documento di accompagnamento. Per rifiuti speciali come l’eternit è necessario rivolgersi a ditte specializzate che hanno ricevuto dagli organi preposti le necessarie autorizzazioni per svolgere questa attività e che dispongono dei mezzi e delle competenze per rimuovere e smaltire questi rifiuti pericolosi.

 I Benefici

Tutte quelle prestazioni di servizio che riguardano interventi  di manutenzione ordinaria e straordinaria su immobili a prevalente destinazione abitativa (residenziali),  permettono di beneficiare di un regime agevolato che consiste nell’applicazione dell’iva ridotta al 10 %.

Per manutenzione ordinaria intendiamo tutte quelle operazioni necessarie a integrare o a mantenere  in efficienza le strutture e gli impianti esistenti; ad esempio la riparazione, il rinnovamento e la sostituzione di intonaci, rivestimenti, pavimenti, controsoffitti.

Mentre, per manutenzione straordinaria, intendiamo tutti gli interventi necessari a rinnovare e sostituire le parti strutturali degli edifici nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d’uso; ad esempio l’apertura e la chiusura di nuove  porte, l’installazione di nuovi impianti elettrici o idrici, il consolidamento delle strutture portanti, la creazione, la modifica o l’eliminazione di tramezzi.

Altro beneficio interessante per il cliente in ambito delle ristrutturazioni è quello riguardante l’iva da applicare sui materiali direttamente acquistati dalla società esecutrice dei lavori.

In questi casi, tutti i clienti che acquistano il materiale necessario per la ristruttrazione tramite la società esecutrice dei lavori, hanno la possibilità di beneficiare dell’iva agevolata ridotta al 10% .

Questo vuol dire che i beni devono essere acquistati dalla ditta che esegue i lavori e non dal privato committente. La ditta poi, nella fattura che emetterà nei confronti del committente, addebiterà sia il costo dei materiali che la propria opera.

 Partners